Scontro di civiltà per un ascensore a piazza Vittorio

Kärtchen: 11 | angezeigt: 582 mal
Facebook | Link senden | PDF exportieren

Parviz:

in Iran l aspetta la corda, non è un truffatore, non è un bugiardo, era in prima linea nella guerra contro l Irak, non è un immigrato, ma è un rifugiato, ha abbandonato tutto ciò che possiede, lavora come aiuto cuoco, non gli piace essere comandato, ordinato, non è neanche un lavapiatti
Benedetta Esposito:

si esprime in un vivace napoletano, sospetta Parviz, bestemmia spesso
Iqbal: il bengalese, la differenza tra l italiano tollerante e l italiano razzista (sorridere o non sirridere per primo e salutare)
         
il condomino

alternarsi agli ululati
un giallo
fa riflettere
un opinione su ....
ci sono sempre diverse verità
ci sono narratori tanti quanti sono i personaggi
lo stile indiretto, le pagine di un diario di Amedeo
         
con un aspetto autobiografico
Amara Lakhous è algerino
Piazza Vittorio
è ispirato dell opera
ispirarsi di
il confronto di diverse culture
multietnico
del centro di Roma
il luogo del incontro è l ascensore
         
Amedeo è il primo sospettato
scompare lui
Amedeo è introvabile e dunque, e il primo sospettato secondo la polizia

Neu: Bestätigte Pakete
Jetzt anmelden!

 

Bestätigte Pakete

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

© by Aisberg GmbH : Webdesign, Marketing, Frauenfeld, Thurgau